La circolazione polmonare

Importante:
Nel linguaggio comune le arterie sono definite come vasi che trasportano il sangue ricco di ossigeno in tutti i distretti dell’organismo. Questa definizione è tuttavia solo parzialmente corretta, perché in realtà le “arterie“ sono tutti i vasi che si dipartono dal cuore! La rigidità della parete muscolare delle arterie è un’altra importante caratteristica che le differenzia dalle vene, che hanno infatti una parete estensibile.

Sulla base di queste conoscenze si possono comprendere più facilmente i processi che hanno luogo nell’organismo e la malattia stessa.

Il corpo umano ha due circoli sanguigni: il grande circolo (circolazione sistemica) e il piccolo circolo (circolazione polmonare) (figure 1 e 2).

Il sangue “rosso”, saturato di ossigeno nei polmoni (fig. 1, freccia gialla), scorre nelle vene polmonari fino all’atrio cardiaco sinistro e da qui passa nel ventricolo cardiaco sinistro attraverso la valvola mitrale (praticamente una “valvola antiritorno”). Il ventricolo sinistro pompa il sangue ricco di ossigeno nella circolazione sistemica attraverso la valvola aortica, trasportando così ossigeno a tutti gli organi. A tal scopo è necessario che la pressione sanguigna raggiunga, in condizioni di normalità, un valore di 120 su 80 millimetri di mercurio (mmHg). Attraverso le vene cave (superiore e inferiore) il sangue “blu” povero di ossigeno giunge infine nell’atrio cardiaco destro e da qui passa nel ventricolo destro attraverso la valvola tricuspide (una seconda “valvola “antiritorno”). Attraverso la valvola polmonare il sangue viene pompato dal ventricolo destro nelle arterie polmonari del piccolo circolo e, dopo essere giunto nei polmoni, viene di nuovo arricchito di ossigeno (figura 2a), concludendo così il proprio ciclo. Dal momento che nella circolazione polmonare il sangue deve coprire un breve percorso, e quindi superare una resistenza ridotta, è sufficiente una pressione di circa 20 su 8 mmHg.

Fig. 1 Cuore e grossi vasi (vista frontale)
Fig. 2 Circolazione polmonare, Circolazione sistemica

 

tl_files/daten/Patienten/67.jpg tl_files/daten/Patienten/68.jpg